giovedì 9 febbraio 2012

Erbette Campagnole e...inaugurazione Nuova Sezione "SdC"

Buongiorno a tutte, come vanno le condizioni climatiche?! Qui oggi splende il sole....non molto forte ma ci accontentiamo!!! Ieri sera mi è balzata in mente una strana idea.....sono Calabrese, giusto?! Ogni volta che scendo giù parto con una valigia e ritorno con due cariche di roba da mangiare.....(mio padre è scandalizzato, si chiede se qui "al Nord" non ci sia cibo, ovviamente in modo scherzoso!) E' vero, si trovano tanti prodotti tipici Calabresi, ma non hanno lo stesso sapore....! Perciò ho pensato di inaugurare una sezione di ricette, che abbiano come tema la mia terra. Non solo ricette tipiche regionali, ma anche semplicemente con la presenza di ingredienti tipici o soltanto modi di cucinare della mia famiglia.....ecco che nasce "SdC" ovvero, Sapori di Calabria!! Non è una sezione a cadenza periodica è solo una condivisione di ricette e sapori tipici con voi.
Come la ricetta di oggi: Erbette Campagnole. Non mi chiedete il loro nome, non lo so: sono erbette spontanee che crescono nei campi, noi li chiamiamo "pracaridi"....Me li raccoglievano i miei nonni, ora le compro nei mercati locali durante i mesi di novembre-dicembre. Comunque sia, la ricetta può essere adattata a tutte le erbe: spinaci, bieta, cicorie..... molto saporite, davvero.



Ingredienti

Erbette di campo (o altra verdura a foglia)
Una confezione di fagioli cannellini
Tocchetti di pane (anche raffermo, almeno si ricicla!)
Olio EVO e aglio

Sbollentate le verdure pulite in acqua bollente salata, per 10/15 minuti. In una padella mettete olio, lo spicchio d'aglio, e trasferite le verdure (non eccessivamente scolate). In un piattino schiacciate la metà dei fagioli fino a ridurli in purea, aggiungere alle verdure insieme ai fagioli non schiacciati. Lasciate cucinare a fuoco medio per 5/10 minuti. A questo punto aggiungete i tocchetti di pane, aggiungete un'altro giro d'olio, mescolate bene, spegnete il fuoco e lasciate riposare con il coperchio per 5 minuti. (il pane si ammorbidirà e si prenderà di sapore)





Con questa ricetta partecipo al contest "Andiamo per prebuggiun?" del blog Leivinvita


36 commenti:

  1. quanto mi piacciono questi piatti, adoro raccogliere la cicoria e gli asparagi selvatici, insieme a tante erbette di cui nemmeno io conosco il nome ^^
    Buona giornata :*

    RispondiElimina
  2. E brava.. si..si.. questa nuova sezione mi piace!!!! questa ricetta è strepitosa.. le erbette campagnole son buonissime.. vattele a trovare a Roma!!!! Mi piace l'idea con i cannellini.. baci e buona giornata .-)

    RispondiElimina
  3. quand'ero piccola andavo sempre con mia madre a raccogliere le erbette per i campi.. bei ricordi.. ottime le tue erbette!!

    RispondiElimina
  4. Evviva!!!!!!questa sezione mi piace un sacco!!è bellissimo scoprire i sapori di un'Italia che è tutta da "assaggiare"!!Hai ragione, qui al Nord anche se arrivano prodotti dal Sud, sembra non abbiano lo stesso sapore!!!Alkora aspetto ansiosa il resto delle ricette e intanto ti dico che questa mi piace un sacco!!io adoro le verdurine fatte cosi!!Bravaaaaaaaa

    RispondiElimina
  5. Mi piace molto questa idea!!!!!!! E vai con i sapori di Calabria!!!! Approvo e sottoscrivo!!!!e queste erbette mi piacciono...Una buona e nutriente e saporita zuppa!!!!!! Complimenti!!!!!
    Un bacione e passa una splendida giornata!!!!

    RispondiElimina
  6. è una vera delizia questo piatto...adoro le verdure!!

    RispondiElimina
  7. Che bella ricetta!

    RispondiElimina
  8. deve essere deliziosa questa ricetta. L'importante è scegliere le erbe giuste e saperle riconoscere!

    RispondiElimina
  9. una ricetta semplice ma molto piacevole per apprezzate le erbe di campo

    RispondiElimina
  10. mi piacciono molto le erbe di campo e quando possibile vado a raccoglierle, sono buonissime. Mi piace questa sezione dei sapori di calabria, è una cucina che mi piace molto. un abbraccio

    RispondiElimina
  11. fantastico adattissima alla mia dieta

    RispondiElimina
  12. Mi piace questa ricetta!! Voglio provarla, magari con erbette più reperibili!!
    Ciao!

    RispondiElimina
  13. Grazie per la ricetta con il sapore di Calabria! Le erbette dovrebbero essere le stesse che crescono da noi...
    la inserisco subito :)
    Valentina

    RispondiElimina
  14. Sapori di Calabria, mmm che goduria. Non vedo l'ora di cucinare qualche cosina calabrese, e ti seguo =)
    Se vuoi passa anche da me.

    RispondiElimina
  15. Ciao, volevo invitarti, se ti va, a partecipare al mio contest. In ogni caso a presto ;o)
    http://ritroviamociincucina.blogspot.com/2012/02/il-1-contest-di-ritroviamoci-in-cucina.html

    RispondiElimina
  16. Bella la tua idea così imparo nuovi sapori:-) e questa ricetta e' una bontà ! Bacioni

    RispondiElimina
  17. Complimenti!!!..bel blog!
    Ti seguo con piacere..passa a trovarmi..Fullina

    RispondiElimina
  18. Non ho mai mangiato le erbette "da sole" sempre in pasta o risotti... le proverò!

    RispondiElimina
  19. Che bella questa nuova sezione !!! Buonissimequeste erbette di campo !!Molto salutari !

    RispondiElimina
  20. Ma certo che passo a trovare una calabrese come me!!! Di dove sei? Io bassa costa Jonica, ma trasferita al nord da più di 12 anni! Prima in Romagna e da pochi mesi in Emilia!
    Buone le tue erbette...io le faccio con le cicorie, peporoncino e pan grattato di solito.
    A presto!
    Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti posso dire che sono molto vicina, a circa 40 km da te.....Caulonia!!!! Ed a Locri ci ho passato 5 anni della mia vita visto che ci andavo a scuola!!!

      Elimina
    2. Liceo classico o liceo scientifico? Io classico, classe 1980! Ma pensa che che coincidenza!!! Precisamente sono di Ardore, e venivo spesso a Caulonia da una cara amica, Simona Cavallaro figlia del professore di storia e filosofia.
      A presto!

      Elimina
  21. Mi piace questa sezione, bella idea, così come queste erbette, devono essere buonissime! baci

    RispondiElimina
  22. Bella idea... i sapori delle nostre città sono sempre nel nostro cuore!

    RispondiElimina
  23. Buonissime, anch'io le ho postate una volta con il purè di fave!Da me in Puglia si chiamamo "cicorielle della Murgia"! Ciao

    RispondiElimina
  24. Grazie a tutte di sostenermi nell'iniziativa!!! ;)

    RispondiElimina
  25. passavo per caso...e leggendoti mi hai fatto tornare in mente i viaggi da piccola assieme ai miei, quando dalla Sicilia dovevamo tornare a Milano...con la macchina carica di ricotte, formaggi e specialità sicule...che nostalgia! piacere di conoscerti! a presto!

    RispondiElimina
  26. è sempre una gran bella cosa valorizzare la propria terra e le proprie tradizioni!
    ottima idea!

    RispondiElimina
  27. complimenti !!sai è proprio una bella idea continuare con i sapori,i profumi e le ricette tipiche della propria terra!!!brava e poi...la calabria è ricchissima di specialita' ancora genuine vero??? ciaooo

    RispondiElimina
  28. ciao ricambio con piacere la visita e ora ti sequo anch'iomolto carino il tuo blog e la ricetta buonissima ciao

    RispondiElimina
  29. complimenti per il tuo blog e le ricette , mi sono aggiunta ai tuoi sostenitori , se vuoi passa da me , ciao

    RispondiElimina
  30. Ciao, mi ha fatto molto piacere la tua visita e ricambio davvero volentieri. La tradizione culinaria calabrese è una delle più ricche e gustose e tu l'esprimi in modo completo! Brava davvero e complimenti per il blog!
    A presto, ciao!

    RispondiElimina
  31. Ma che bella idea!! I sapori della propria terra!
    A me riportano sempre indietro all'infanzia dove anche i sapori più semplici erano "speciali".
    E a te?

    Grazie per esserti iscritta al mio blog.
    Stella.

    RispondiElimina
  32. Mi piace la tua idea della rubrica sui sapori della tua terra.
    Le erbette, poi, devono essere davvero buone!

    RispondiElimina
  33. Le erbette "pracaridi" non sono altro che piante di Tarassaco (Taraxacum officinalis)una pianta spontanea che in meridione viene raccolta (prima della fioritura per essere gradevole)da ottobre a dicembre. non so in toscana ma in lombardia il periodo migliore per la raccolta è l'inizio della primavera. In commercio si trovano anche le bustine di semi per una coltivazione da orto.
    Sono veramente buone con un leggero sapore amaro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la precisazione, zio. Hai risolto proprio un bel dilemma.

      Elimina

Lascia una traccia del tuo passaggio, è sempre un piacere per me!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...